«Un crocifisso da un euro e mezzo»: Gemona e San Marco ricordano don Gastone Candusso

venerdì 30 Settembre

Dopo la lunga pausa causata dalla pandemia, riparte «Il Caffe del venerdì», con una puntata speciale dedicata alla figura di mons.
Gastone Candusso, un sacerdote amato da molti che ha lasciato a Udine e a Gemona del Friuli una traccia indelebile del proprio operato e impegno pastorale.

L’iniziativa, patrocinata dai comuni di Udine e Gemona del Friuli, prevede un primo appuntamento alle ore 20.45 del 16 settembre a Udine nel teatro Palamostre e una replica sempre alle ore 20.45 del 29 settembre, a Gemona del Friuli nel teatro Glemonensis.

 

Due serate-spettacolo

Il titolo dell’incontro, «Un crocifisso da un euro e mezzo», riprende l’intestazione data da don Gastone al suo testamento spirituale, scritto poco prima di morire nell’aprile del 2011. Il 1968 è molto distante, ma è da quell’anno speciale che la storia ha inizio. Segna lo spartiacque legato a un cambiamento epocale nella società, nei costumi, nelle abitudini, nell’educazione, nella chiesa. Maturano idee nuove e con impeto ricco di passioni si inizia a costruire una società diversa, una inesplorata convivenza attraverso un intenso
impegno sociale, coinvolgendo il pensiero di Cristo in un linguaggio fresco e moderno, a volte rivoluzionario, sempre gioioso e dirompente.

Nell’ottobre 1971 don Gastone diventa cappellano di San Marco in Udine incarnando in sé questa epocale rivoluzione. Il parroco, mons. Comelli, gli rivolge un caloroso augurio, riportato nel libro storico: «Il Signore lo aiuti a vivere il suo sacerdozio e a non scoraggiarsi di fronte alle eventuali e immancabili difficoltà». Il giovane prete prende queste parole alla lettera: sarà sempre aperto al mondo, innamorato dei giovani, educatore impegnato, amante dell’arte e della musica, appassionato della vita, brillante e spiritoso; per trent’anni cappellano e parroco di San Marco, per 10 anni parroco di Gemona del Friuli. La sua figura è tutt’oggi indimenticata.

Il regista Fabrizio Zanfagnini ha realizzato un film in cui spicca, attraverso le testimonianze molto convincenti di chi l’ha conosciuto profondamente, la sua personalità, il suo carisma, la sua gioia di essere prete. Il film verrà proiettato in anteprima all’inizio della serata. Gli spunti e le sollecitazioni prodotte dal film saranno l’occasione per riflettere su numerose tematiche: i giovani, la Chiesa, il rapporto tra vita e fede, spiritualità, cultura, carità, relazione tra mondo civile e religioso, la sofferenza e la morte.

In questo aiuteranno gli interventi di don Daniele Antonello (rettore del Seminario interdiocesano di Castellerio e direttore del
settimanale La Vita Cattolica), di Giovanni Lesa (responsabile della Pastorale diocesana delle Comunicazioni sociali) e di don Federico Grosso (direttore dell’Istituto Superiore di Scienze religiose di Udine).

Alessandro Vigna, membro dello staff organizzativo de «Il Caffè del venerdì» e Antonella Lanfrit, giornalista professionista, condurranno gli intervenuti attraverso domande e stimoli tratti dalle parole del film instaurando un dialogo che affronterà argomenti molto attuali. L’ingresso è libero e le offerte raccolte durante le due serate saranno destinate alle attività di padre Pushpanadam in India, grande amico di don Gastone.

Solo per la serata del 16 settembre sarà necessaria la prenotazione da effettuarsi sul sito www.ilcaffedelvenerdi.it.

30/09/2022 (tutto il giorno)
Forania della Pedemontana, News dalle Foranie, Vicariato Urbano
Udine
Friuli-Venezia Giulia
Italia

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittermail