Al via gli incontri ordinari della SPES. Si parla di bene comune e questioni demografiche

Venerdì 26 e sabato 27 novembre prende il via la nuova stagione della SPES, la Scuola di Politica ed Etica Sociale dell'Arcidiocesi di Udine. Inaugurata ufficialmente lo scorso 8 ottobre, l'edizione 2021-2022 della SPES vede partecipare una quarantina di iscritti. Tra essi diversi giovani under-30.

«Tra idealità e realtà: i rischi di una retorica del bene comune» sarà il tema di apertura, venerdì 27 novembre. Alle 18.30 i locali del Centro culturale “Paolino d’Aquileia” di via Treppo, a Udine, ospiteranno la relazione di Ernesto Preziosi (storico dell’Università Cattolica di Milano).

Il giorno seguente, sabato 28 novembre al mattino, si parlerà invece de «La fatica del “fare spazio”: migrazioni, periferie e crisi demografica». Interverrà Tiziana Ciampolini, psicologa sociale dell’Osservatorio Caritas di Torino.

Gli incontri della SPES sono riservati agli iscritti, ma è possibile chiedere di partecipare in qualità di uditori scrivendo una mail all’indirizzo spes@diocesiudine.it entro giovedì 26 novembre. Per partecipare è necessario il green pass ed è richiesto un costo simbolico di 5 €. L’accoglienza delle domande di partecipazione in qualità di uditori dipenderà dal numero di posti residui e dall’eventuale riduzione di capienza dovuto al peggioramento della situazione sanitaria.

Non è prevista la trasmissione in diretta streaming.

 

I relatori

Ernesto Preziosi

Presidente del Centro studi storici e sociali (Censes) e docente a contratto di Storia contemporanea presso l’Università degli studi di Urbino “Carlo Bo”. Alle elezioni politiche del 2013 è stato eletto Deputato della XVII Legislatura della Repubblica Italiana. Membro della V Commissione della Camera “Bilancio, tesoro e programmazione” e della Commissione d’inchiesta sul rapimento e sulla morte di Aldo Moro. É stato direttore delle Pubbliche Relazioni dell’Istituto Giuseppe Toniolo, ente fondatore dell’Universita Cattolica e vicepresidente nazionale del settore adulti dell’Azione Cattolica italiana. Ha inoltre fondato “Argomenti2000”, una realtà che promuove la formazione e l’impegno politico. Autore di saggi di storia contemporanea, ha diretto l’Istituto “Paolo VI” per la Storia dell’Azione Cattolica e del Movimento cattolico in Italia. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo: Cattolici e presenza politica. La storia, l’attualità, la spinta morale dell’Appello ai «liberi e forti» (2020), Una sola è la città. Argomenti per un rinnovato impegno politico dei credenti (2014), Giuseppe Toniolo. Alle origini dell’impegno sociale e politico dei cattolici (2012).

 

Tiziana Ciampolini

Psicologa sociale, ha conseguito il dottorato di ricerca presso il dipartimento di Economics and Management dell’Istituto Universitario Sophia. È esperta di analisi e sviluppo di contesti fragili, si occupa di implementazione di innovazione sociale in Italia e all’estero. Dirige “S-nodi”, agenzia di sviluppo torinese per l’innovazione contro la povertà nell’ambito del programma Azioni di Sistema di Caritas Italiana. È la rappresentante italiana nella Task Force Social Innovation and Social Economy di Caritas Europa. Ha lavorato per la Pubblica Amministrazione e il terzo settore occupandosi di intervento, ricerca e formazione. Ha rappresentato l’Anci nella Commissione Territoriale per il riconoscimento della Protezione Internazionale di Torino.

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittermail

Segui l'Arcidiocesi di Udine sui social

Facebooktwitterrssyoutube