Padre Francesco Rossi nuovo delegato episcopale per la vita consacrata

L'Arcivescovo ha nominato padre Francesco Rossi nuovo delegato episcopale per la vita consacrata. Padre Rossi prende il posto di don Ottavio Belfio, che era in carica dal 1994. Padre Rossi è anche responsabile del servizio diocesano per il catecumenato.

Padre Rossi fa parte della Congregazione delle Sacre Stimmate di Nostro Signore Gesù Cristo, i padri stimmatini presenti con comunità religiose a Udine (presso l’istituto “Bertoni”) e a Gemona. Classe 1955, di origine milanese, dal 2010 è responsabile del Servizio diocesano per il catecumenato. Docente di sacramentaria all’Istituto superiore di scienze religiose “Santi Ermagora e Fortunato” con sede a Udine, Rossi da diversi anni presta servizio nella Collaborazione pastorale di Palmanova.

 

Religiosi e religiose in Diocesi

Nel territorio diocesano udinese operano 9 congregazioni e istituti religiosi maschili, per un totale di 12 comunità. Oltre ai santuari di Castelmonte, Lussari e della B.V. delle Grazie, comunità religiose maschili operano presso gli istituti udinesi del Bertoni e del Bearzi, al “Don Bosco” di Tolmezzo, alla “Viarte” e al “Piccolo Cottolengo” di Santa Maria La Longa. Numerose Parrocchie sono amministrate da religiosi: le 4 Parrocchie della Collaborazione Pastorale di Buttrio e, a Udine, 4 delle 6 Parrocchie della CP Udine sud-ovest e la Parrocchia di S. Giovanni Bosco. Nel territorio diocesano sono presenti anche numerosi religiosi privi di una comunità di riferimento, che prestano servizio in qualità di collaboratori pastorali.

Più ampio il panorama di istituti e congregazioni femminili: sono ben 21, infatti, le congregazioni presenti, suddivise in 41 comunità. Molte di queste religiose sono impegnate nell’educazione dei più piccoli, soprattutto nelle scuole dell’infanzia paritarie. Moltissime suore svolgono servizio nelle Parrocchie friulane.

A queste numerose congregazioni si affiancano anche le tre comunità monacali femminili di Montegnacco (Cassacco), Faedis e Moggio Udinese.

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittermail

Segui l'Arcidiocesi di Udine sui social

Facebooktwitterrssyoutube