Ecco le schede bibliche che accompagnano il nuovo Anno pastorale

Possono essere utilizzate per momenti di lectio divina nella formazione degli operatori pastorali e dei membri dei Consigli pastorali, per incontri di ritiro spirituale aperti a tutti, per la predicazione nelle celebrazioni liturgiche. Sono un utile strumento per ripercorrere l’itinerario che Gesù fece fare agli apostoli fino a renderli dei missionari capaci di attuare il suo comando finale: “Andate e fate discepoli tutti i popoli”. Sulle orme degli apostoli potremo formarci per essere anche noi dei missionari del Vangelo. Qui il formato pdf.

Com’è ormai consuetudine anche il nuovo Anno pastorale è accompagnato dalle schede bibliche, utile strumento per «ripercorrere – scrive l’arcivescovo, mons. Andrea Bruno Mazzocato – l’itinerario che Gesù fece fare agli apostoli fino a renderli dei missionari capaci di attuare il suo comando finale: “Andate e fate discepoli tutti i popoli”. Sulle orme degli apostoli potremo formarci per essere anche noi dei missionari del Vangelo».

Le schede bibliche possono dunque essere utilizzate per momenti di lectio divina nella formazione degli operatori pastorali e dei membri dei Consigli pastorali, per incontri di ritiro spirituale aperti a tutti, per la predicazione nelle celebrazioni liturgiche.

«La Parola di Dio – continua l’arcivescovo nella presentazione al sussidio – è potente perché agisce nella mente e nel cuore di chi ascolta con la forza dello Spirito Santo. Per questo non dobbiamo mai stancarci di leggerla
e di meditarla sia personalmente che comunitariamente. Essa ha trasformato gli apostoli rendendoli coraggiosi e convincenti predicatori del Vangelo. Se l’accogliamo, renderà anche noi missionari appassionati del Signore Gesù. Invito, perciò, tutti a trovare tempi di preghiera e a seguire l’itinerario che queste schede propongono sia nella meditazione personale che negli incontri comunitari».

A questo link potete trovare il sussidio contenente le schede bibliche in formato pdf.

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittermail

Segui l'Arcidiocesi di Udine sui social

Facebooktwitterrssyoutube