Aperte le iscrizioni ai corsi del secondo semestre dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Udine

C’è tempo fino al 31 gennaio per iscriversi ai corsi del secondo semestre di studi dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose “Santi Ermagora e Fortunato”, con sede nell’ex seminario di viale Ungheria a Udine. L’ISSR – che fa capo all’Arcidiocesi di Udine ma accoglie studenti anche dalle diocesi di Gorizia e Trieste – sviluppa due percorsi formativi in vista della laurea triennale o magistrale in Scienze Religiose, ma i singoli corsi accolgono anche uditori.

I destinatari dei corsi ISSR sono in generale tutti i laici impegnati a vario livello nella pastorale delle Parrocchie o anche chi, semplicemente ma non troppo, desidera approfondire tematiche di carattere teologico. Non manca un occhio di riguardo a chi desidera una formazione abilitante all’insegnamento della religione nelle scuole.

Il digitale? Un elemento facilitatore

I corsi del secondo semestre spaziano dall’esegesi dei più antichi testi biblici fino alla patrologia, passando per i fondamenti della teologia, lo studio della filosofia moderna e contemporanea. Non mancano occasioni di studio nel campo della bioetica e della morale fondamentale, oltre che nello studio della religiosità umana (non necessariamente cristiana) e gli elementi di base della dottrina sociale della Chiesa.

«Le lezioni saranno on-line, vista la pandemia. Ma questo può essere un elemento interessante in chiave pastorale», ha dichiarato al settimanale diocesano il direttore dell’ISSR, don Federico Grosso, citando catechisti, animatori e persone impegnate a vario titolo nelle Parrocchie. «Seguire le lezioni da casa, evitando il tempo del viaggio, aiuterebbe soprattutto chi vive lontano dalla città a inquadrare l’Istituto nella sua vocazione originaria, ossia un luogo di formazione al servizio delle nostre Parrocchie».

Riprende il laboratorio di Progettazione pastorale

Tra i vari corsi trova spazio anche il laboratorio di Progettazione pastorale condotto da mons. Ivan Bettuzzi, già proposto esattamente un anno fa e – come moltissime attività – immediatamente sospeso per il sopraggiungere della pandemia. «Il laboratorio è opzionale e si svolge il giovedì sera – ricorda il direttore don Grosso – e vuole rilanciare in modo sistematico le esigenze che emergono dalla riflessione pastorale che la nostra Arcidiocesi sta vivendo già da diversi anni. A questa riflessione, che ha visto nascere le Collaborazioni Pastorali, si aggiunge quella legata al tempo pandemico che stiamo vivendo, il quale ha e avrà indubbi riflessi anche sulla pastorale delle nostre comunità».

Tutte le informazioni in merito ai corsi e alle iscrizioni si possono trovare on-line sul sito www.issrudine.it. Sul sito sono presenti anche i recapiti della segreteria ISSR, aperta ogni pomeriggio tranne il giovedì.

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittermail

Segui l'Arcidiocesi di Udine sui social

Facebooktwitterrssyoutube