Catechesi in famiglia: per domenica 15 marzo la parola d’ordine è «Sete»

Tre uffici - pastorale giovanile, catechesi, famiglia - insieme per offrire ai ragazzi e alle rispettive famiglie la possibilità di riflettere e pregare insieme durante la settimana e la domenica. Già disponibili i primi materiali.

Ci sono positività che non necessariamente corrispondono a un contagio. L’eccezionalità di questo tempo di limitazioni costituisce, infatti, un’occasione propizia per riscoprire il valore di una prassi pastorale rara, ma estremamente feconda: è la catechesi in famiglia, effettuata con l’ausilio di risorse, materiali e sussidi appositamente forniti dall’Arcidiocesi. È quanto è stato messo a punto in questi giorni: uno straordinario lavoro di sinergia tra vari uffici diocesani per aiutare i più giovani ad alimentare la relazione con il Signore anche durante questa forzata sosta dalle attività formative e liturgiche.

Ogni settimana di “emergenza” saranno pubblicate schede di carattere catechistico e spirituale, realizzate congiuntamente dagli uffici per la Pastorale Giovanile, per l’Iniziazione cristiana e la catechesi, per la Pastorale della Famiglia.

Come usare le schede? Istruzioni per l’uso

Queste schede si possono scaricare e utilizzare direttamente con smartphone o tablet. Al loro interno contengono link a risorse video, grafiche, testuali da poter ascoltare o stampare. Per i più piccoli non mancano disegni da colorare o decorare. Per i preadolescenti ci sono storie, video ed esperimenti. Per i più grandi, invece, una catechesi realizzata dall’Arcivescovo mons. Mazzocato.

Ogni settimana sono previste due schede: una “catechistica” da effettuarsi in un giorno/momento a scelta della famiglia; questa proposta è progettata in vista della domenica. La seconda scheda – ma solo in ordine di tempo – è, appunto, quella per la preghiera familiare nel giorno del Signore, la domenica.

Le schede sono liberamente distribuibili sui gruppi WhatsApp di genitori o ragazzi.

Accedi ai materiali

 

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittermail

Segui l'Arcidiocesi di Udine sui social

Facebooktwitterrssyoutube