8xmille alla Chiesa Cattolica. Il valore di una firma

8xmille alla Chiesa cattolica: ormai più di trent’anni la sopravvivenza economica della Chiesa è affidata ai fedeli, in particolar modo attraverso la firma per la destinazione dell’8x1000 del gettito Irpef. I dati dell'Arcidiocesi di Udine.

Quella dell’8×1000 alla Chiesa cattolica è una firma che al contribuente non costa nulla e può essere apposta da tutti coloro che concorrono al gettito Irpef: chi presenta il 730, chi presenta il Modello Redditi, ma anche chi dispone solamente del Modello CU, perché possiede unicamente redditi di pensione, di lavoro dipendente o assimilati e non è obbligato a presentare la dichiarazione. Anche questi ultimi però possono esprimere la propria preferenza per la destinazione dell’8×1000.

La decisione di chi si esprime serve a stabilire la destinazione dell’intera quota da assegnare, supplendo dunque anche alla mancata espressione di una preferenza da parte di chi non firma. Vige, così, la stessa logica che presiede alle elezioni, politiche o amministrative: come chi vota decide anche per chi non vota, lo stesso avviene per chi firma, indipendentemente dal proprio reddito. La firma di un milionario, infatti, ha lo stesso identico peso di quella di un pensionato al minimo.

 

L’utilizzo dei fondi dell’8×1000 alla Chiesa Cattolica

Chi firma per la Chiesa cattolica, solamente nel 2021 ha contribuito a rendere possibile lo stanziamento di:

  • 150 milioni di euro per la carità delle diocesi italiane (mense, centri di ascolto, soccorso a disoccupati, vittime dell’usura, immigrati, emarginati, anziani abbandonati);
  • 53 milioni di euro per altre esigenze di rilievo nazionale;
  • 50 milioni per progetti di sviluppo e solidarietà nel Sud del mondo;
  • 62 milioni per la manutenzione e il restauro di 459 chiese della nostra bella Italia;
  • 420 milioni che hanno permesso di mantenere dignitosamente i 33.000 sacerdoti che operano nelle diocesi italiane, 300 dei quali missionari fidei donum nei paesi più poveri.

 

Una firma consapevole

È possibile visionare su 8xmille.it oppure su rendiconto8xmille.chiesacattolica.it il rendiconto dettagliato di tutto il denaro speso, ma il dato di fatto rimane lo stesso: sono solamente le firme che vengono apposte che rendono possibile che tutto ciò avvenga. Firmare è dunque una scelta di responsabilità per ogni credente, ma spesso lo è anche da parte di chi non crede, perché sa bene che comunque quelle risorse vengono utilizzate per il bene di tutta la comunità, cattolica e non, e poi scrupolosamente rendicontate.

Solamente nel 2020 (secondo gli ultimi dati disponibili) sono stati più di 12 milioni gli italiani che lo hanno fatto. Ma potranno essere ancora molti di più, nella misura in cui le comunità cristiane se ne renderanno conto e faranno la propria parte attivamente affinché ciascuno eserciti responsabilmente questo diritto di scelta.

 

L’8×1000 in Diocesi a Udine

La rendicontazione

🔗 Il rendiconto 2020

Alcune delle opere sostenute

Dal settimanale “La Vita Cattolica”:

🔽 Spazio giovani della Caritas: effetto lockdown sui giovani. Una rete per aiutarli a reagire [11 maggio 2022]

🔽 A Rivignano 42 famiglie aiutate dal Centro Caritas [9 marzo 2022]

🔽 Le nostre chiese, patrimonio di tutti [30 giugno 2021]

🔽 Fondo di solidarietà COVID-19: 1.800 volte una mano tesa [19 maggio 2021]

🔽 Tra gli impieghi: chiese a nuovo a Sutrio, Reana, Montegnacco e Raccolana [12 maggio 2021]

🔽 Crescono i bisogni, le parrocchie costruiscono relazioni [4 novembre 2020]

 

Segui l'Arcidiocesi di Udine sui social

Facebooktwitterrssyoutube

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittermail