Giornata mondiale delle Comunicazioni sociali nel segno della vita che si fa storia

“Perché tu possa raccontare e fissare nella memoria” (Es 10,2). La vita si fa storia è il tema scelto da Papa Francesco per la giornata che sarà celebrata domenica 24 maggio. ««Nella confusione delle voci e dei messaggi che ci circondano - sottolinea il Santo Padre -, abbiamo bisogno di una narrazione umana, che ci parli di noi e del bello che ci abita»

Domenica 24 maggio si celebra la «Giornata mondiale delle Comunicazioni sociali» che Papa Francesco ha deciso di dedicare al tema “Perché tu possa raccontare e fissare nella memoria” (Es 10,2). La vita si fa storia (qui il testo integrale). 

«Nella confusione delle voci e dei messaggi che ci circondano – sottolinea il Santo Padre nel testo -, abbiamo bisogno di una narrazione umana, che ci parli di noi e del bello che ci abita. Una narrazione che sappia guardare il mondo e gli eventi con tenerezza; che racconti il nostro essere parte di un tessuto vivo; che riveli l’intreccio dei fili coi quali siamo collegati gli uni agli altri». Una sollecitazione oggi più importante che mai nel tempo in cui viviamo e che richiama quel dialogo fondato su una memoria viva, che favorisce l’incontro tra le generazioni. Ecco, allora, che la vita si fa storia. Aspetto questo evidenziato anche nella scelta del manifesto che accompagna questa giornata.

Numerosi i materiali in rete per approfondire la riflessione su questi temi. Segnaliamo in particolare i tanti contribuiti, anche video, raccolti sul sito delle Comunicazioni sociali della Cei.

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittermail

Segui l'Arcidiocesi di Udine sui social

Facebooktwitterrssyoutube