Si inaugura il polo cittadino della carità: la «Corte San Vincenzo»

L'inaugurazione sabato 19 alle 10, nel pomeriggio dalle 14 alle 18 l'open day per chi vorrà visitare la struttura, guidato dagli operatori Caritas. Alla corte «San Vincenzo», trovano spazio ora spazio l’ Emporio solidale «Pan e Gaban», la «Casetta a colori», la Sartoria sociale, il nuovissimo centro di aggregazione giovanile «Spazio giovani» , lo studentato e il Centro di ascolto interparrocchiale. La ristrutturazione è stata possibile grazie a fondi dell’Associazione Centro Caritas di Udine, finanziamenti della Regione Friuli Venezia Giulia e della Fondazione Friuli, lascito testamentario dell’Associazione Volpe – Sorelle Masolini.

Sarà inaugurata sabato 19 settembre alle 10, a Udine, la «Corte San Vincenzo», nuovo “polo” cittadino della carità. Nell’ampia struttura dell’istituto delle suore di San Vincenzo de’ Paoli – completamente rinnovata e gestita dalla Caritas diocesana di Udine – trovano infatti ora spazio l’ Emporio solidale «Pan e Gaban», la «Casetta a colori», la Sartoria sociale, il nuovissimo centro di aggregazione giovanile «Spazio giovani» , lo studentato e il Centro di ascolto interparrocchiale.

Nel pomeriggio, invece, dalle 14 alle 18, invece, la cittadinanza potrà visitare il nuovo polo della carità accedendo agli spazi dall’ingresso pedonale di Via Marangoni 99, Udine. I volontari Caritas accompagneranno piccoli gruppi in una visita guidata interna alle strutture e risponderanno alle domande dei presenti. Per l’occasione verranno apposte delle targhe in memoria e sarà possibile ricevere la nuova carta servizi Caritas.

La ristrutturazione è stata possibile grazie a fondi dell’Associazione Centro Caritas di Udine, finanziamenti della Regione Friuli Venezia Giulia e della Fondazione Friuli, lascito testamentario dell’Associazione Volpe – Sorelle Masolini.

Si raccomanda il rispetto delle norme igienico sanitarie, l’obbligo dell’utilizzo di dispositivi di protezione e conferma di presenza inviando e-mail a cpagni@diocesiudine.it.

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittermail

Segui l'Arcidiocesi di Udine sui social

Facebooktwitterrssyoutube