Ufficio liturgico, si rinnova l’appuntamento con il ritiro quaresimale dei Ministri straordinari della Comunione

«Il servizio di Cristo e di chi vuole essere suo discepolo» sarà il tema affrontato da padre Francesco Rossi, stimmatino, nel tradizionale appuntamento di Quaresima che vede incontrarsi per uno spazio di riflessione i Ministri straordinari della Comunione. L'appuntamento è in calendario per domenica 7 aprile – dalle ore 15 alle 17, nella casa delle Suore Dimesse, in via Treppo 11, a Udine. La celebrazione dei Secondi Vespri della V domenica di Quaresima chiuderà l’incontro.

Si rinnova domenica 7 aprile – dalle ore 15 alle 17, nella casa delle Suore Dimesse, in via Treppo 11, a Udine – il tradizionale appuntamento di Quaresima dell’Ufficio liturgico diocesano: il ritiro spirituale dei Ministri straordinari della Comunione. A fare da cornice all’incontro il tema «Il Figlio dell’uomo non è venuto per essere servito, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti» (Mc 10,45), con l’intervento di padre Francesco Rossi, stimmatino su «Il servizio di Cristo e di chi vuole essere suo discepolo». Nella prospettiva delle Collaborazioni pastorali e dell’orizzonte missionario del cammino della nostra Chiesa, infatti, anche i ministri straordinari della comunione, vivranno questo momento di riflessione e preghiera per non smarrire la radice profonda del proprio compito nelle nostre comunità cristiane, soprattutto a favore degli anziani e dei malati.

È, infatti, nell’imminenza della Pasqua – il momento culminante dell’esperienza terrena di Gesù con la sua passione dolorosa e gloriosa–, che la Chiesa vive con più intensità di sempre la dimensione del discepolato. Contemplando il Figlio di Dio che, carico, della croce, si avvia verso il Calvario, la comunità dei credenti, seppure talvolta a fatica e tra le incertezze della condizione umana, lo segue più da vicino e fa esperienza del mistero del suo Signore che non è venuto per dominare e ricevere attestati di ossequio, ma per mettersi a servizio degli uomini donando completamente la vita. E nella contemplazione del Maestro anche i discepoli verificano la loro capacità di essere servi gli uni degli altri, soprattutto dei più piccoli, poveri e sofferenti. Così, Gesù, il Servo del Padre e dell’umanità, è modello di chi vuole svolgere un ministero nella Chiesa con autenticità e piena dedizione ai fratelli .

La celebrazione dei Secondi Vespri della V domenica di Quaresima chiuderà l’incontro.

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittergoogle_plusmail

Segui l'Arcidiocesi di Udine sui social

Facebooktwitterrssyoutube