Spes, appuntamento a gennaio sul tema «Pace e sicurezza»

Il 2019 alla Spes si apre all'insegna di uno dei temi più dibattuti della politica italiana: quello dell'immigrazione. Due le angolazioni scelte, venerdì 11 gennaio alle 18 interverrà il filosofo Luigi Alici su «Agostino d’Ippona: parlare di pace al tempo delle invasioni». Sabato 12 il dibattito su «Governare la paura: come affrontare politicamente i fenomeni migratori?» tra Michele Nicoletti e il governatore della Regione FVG, Massimiliano Fedriga.

Dopo la pausa natalizia, riprende il cammino della Spes, la Scuola di Politica ed Etica sociale dell’Arcidiocesi di Udine. Il fine settimana di studi previsto nei giorni di venerdì 11 e sabato 12 gennaio 2019 aprirà una finestra sul tema della sicurezza. Si tratta di un argomento saldamente al centro del dibattito pubblico, in particolar modo quando abbinato all’analisi dei fenomeni migratori che vedono il nostro Friuli Venezia Giulia come crocevia di “rotte” e itinerari.

Il fine settimana di gennaio della Spes sarà aperto venerdì 11 gennaio alle 18 da Luigi Alici, filosofo morale dell’Università di Macerata. Alici, già ospite Spes nella prima edizione 2014-2015, tratterà il tema: «Agostino d’Ippona: parlare di pace al tempo delle invasioni».

Sabato 12 gennaio, alle 9, sarà la volta di Michele Nicoletti. Filosofo della politica e docente all’Università di Trento, anche Nicoletti è stato ospite della Spes quando nel 2015 tratto proprio il tema «immigrazione e sicurezza». Nell’incontro del 12 gennaioil suo focus sarà su: «Governare la paura: come affrontare politicamente i fenomeni migratori?». Il dibattito con Nicoletti sarà animato da un ospite d’eccezione: interverrà, infatti, Massimiliano Fedriga, presidente della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.

Ricordiamo che anche questo incontro è aperto agli uditori, ai quali è richiesta l’iscrizione entro giovedì 10 gennaio scrivendo una mail all’indirizzo spes@diocesiudine.it.

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittergoogle_plusmail

Segui l'Arcidiocesi di Udine sui social

Facebooktwitterrssyoutube