Dove ti trovi:  News Arcidiocesi » 2017 » Luglio » Incontro con don Federico Grosso, dialogo su otto biografie da don Milani a pre Toni Beline 
Share

Incontro con don Federico Grosso, dialogo su otto biografie da don Milani a pre Toni Beline   versione testuale

Nell'ambito dell'iniziativa «Documenti e memoria: incontri in Biblioteca» a cura della Biblioteca del Seminario di Udine, don Federico Grosso, giovedì 20 luglio alle 20.30 nel Centro culturale «Paolino d'Aquileia» a Udine, parlerà del tema affrontato nel suo libro «Teologia e biografia: un dialogo aperto. Stili e criteri per una proposta teologica esistentivo-testimoniale». Tra le biografie anche quelle di pre Checo Placereani e pre Toni Beline.


Nell'ambito dell'iniziativa «Documenti e memoria: incontri in Biblioteca» a cura della Biblioteca del Seminario di Udine, don Federico Grosso, prodirettore dell'Istituto Superiore di Scienze Religiose di Udine – recentemente intitolato ai «Santi Ermagora e Fortunato» e diventato unico polo didatticodella Facoltà Teologica del Triveneto in Regione –, giovedì 20 luglio alle 20.30 nel Centro culturale «Paolino d'Aquileia» a Udine, parlerà del tema affrontato nel suo libro «Teologia e biografia: un dialogo aperto. Stili e criteri per una proposta teologica esistentivo-testimoniale» (Edizioni Messaggero Padova). A dialogarne con lui don Santi Grasso, docente di Sacra Scrittura.

 

Si tratta di un saggio dedicato al tema della biografia in rapporto alla teologia. L’autore ha scelto di narrare le biografie e le fisionomie teologiche di quattro coppie di personaggi-autori - da don Lorenzo Milani a don Primo Mazzolari, passando per i friulani pre Toni Belline e pre Checo Placerean - nei quali si può facilmente riconoscere un intreccio suggestivo tra vita, pensiero e azione. «Il mio obiettivo – spiega don Federico Grosso – era quello di individuare, passando attraverso biografie concrete, le tracce di una proposta teologica incisiva nel suo ieri e nel suo oggi, insomma, dei modelli di riferimento». La scommessa di questa tesi poggia dunque sulla visione di un ordito virtuoso tra biografia e teologia dal quale possono emergere stili e criteri capaci di offrire alla teologia fondamentale spazi inediti e promettenti di sviluppo.