dove ti trovi: Ufficio di Pastorale Giovanile » Oratori » Supporto diocesano agli oratori 
Share

Supporto diocesano agli oratori   versione testuale

Con il termine "oratorio" intendiamo l’insieme di persone, organizzazione e attività che in una parrocchia concorrono in modo non esclusivo al servizio di educazione cristiana di bambini, ragazzi, adolescenti e giovani. Non s’intende il “fare catechesi” in senso stretto, né il solo luogo fisico di ritrovo. Rientrano in questa definizione le attività organizzate durante l’anno scolastico (ad esempio, l’animazione del sabato pomeriggio, serate particolari, ecc.), in periodo estivo (campi scuola, oratori estivi, ecc.). Rientrano altresì le attività musicali, culturali, teatrali e sportive per bambini, ragazzi, adolescenti e giovani (ad esempio, il coro giovanile parrocchiale, la squadra di calcio/basket … le gite, ecc.).
 
L’Ufficio Diocesano di Pastorale Giovanile ha avviato un progetto diocesano di sostegno ai luoghi di aggregazione e formazione giovanile parrocchiale (gli oratori). Il progetto è stato promosso in accordo con l’Arcivescovo, mons. Andrea Bruno Mazzocato, il quale intende proseguire la riflessione sull’educazione cristiana avviata due anni fa e, per la buona riuscita dell’iniziativa, ha coinvolto anche i sacerdoti dell’Arcidiocesi.
 
Il progetto prevede diverse fasi:
 
  1. Lettura attenta e capillare di “cosa c’è già” in Diocesi: un censimento delle realtà parrocchiali e interparrocchiali, piccole o grandi, organizzate o meno. Per la realizzazione di questa fase abbiamo fatto affidamento alle competenze statistiche e sociologiche dell’IRES FVG (Istituto di ricerca economiche e sociali), il quale ci sta aiutando in modo determinante a ricostruire la rete di oratori e centri di aggregazione giovanile parrocchiale presenti sul territorio (link alla Ricerca IRES-PG 2014).
  2. Conoscenza dell'evoluzione storica degli oratori in Italia (in particolare le tradizioni salesiane, lombarda e romana), delle diverse metodologie educative e delle caratteristiche distintive.
  3. Identità e missione dell'oratorio: riflessione sulle rilevanze sociali ed educative in senso cristiano dell'oratorio; approfondimento sulle peculiarità oratoriane condivise, che possono valere in tutte le diverse realtà; determinazione di esigenze comuni a lungo termine.
  4. Lettura delle esigenze del territorio, alla luce dei risultati del censimento e vista la panoramica sull'identità e missione dell'oratorio.
  5. Linee guida diocesane, confermate dal Vescovo, che possano fungere da supporto sussidiario a tutte le realtà già attive e a quelle che vorranno cominciare in futuro.