dove ti trovi: Ufficio di Pastorale Giovanile » News territorio » Forania di Porpetto: incontro con Arturo Mariani, calciatore della nazionale italiana amputati 
Share

Forania di Porpetto: tornei e incontro con Arturo Mariani, calciatore della nazionale italiana amputati   versione testuale

«Ho dipinto la vita perché Dio me l'ha disegnata!» è il nome della nuova iniziativa organizzata dalla Pastorale Giovanile della forania di Porpetto e dal gruppo "Dentro Io Sono ABILE" di Carlino, in programma sabato 27 maggio 2017 per tutti i giovani della Forania. Si tratta di un torneo interparrocchiale che si concluderà con un incontro-testimonianza con Arturo Mariani, calciatore della nazionale italiana amputati.

 

Apparentemente Arturo sembra un ragazzo come tanti (studente universitario, amante del calcio, con saldi principi cristiani..) ma in realtà il suo arrivo è stato speciale in quanto nato senza una gamba. Arturo parlerà di come sia stato possibile, attraverso il sostegno dei genitori e del Signore, raggiungere i propri sogni e facendo del suo "difetto" fisico una "potenzialità".

 

Il programma

La giornata si svolgerà a San Giorgio di Nogaro, sabato 27 maggio.

 

Torneo di calcio

ore 15.00: ritrovo dei partecipanti al campo sportivo "Germano Pez" (dietro al Municipio di S. Giorgio di Nogaro).

ore 15.15: viene presentato a tutti Arturo Mariani che dà il calcio d'inizio del torneo.

ore 18.00: conclusione del torneo.

A segure: cena insieme in Casa della Gioventù. Sarà offerta a tutti i partecipanti al torneo la pasta, oltre a quanto la generosità di ciascuno vorrà portare.

 

Dialogando con Arturo...

Auditorium "San Zorz", ore 20.30

Serata di testimonianza e dialogo con Arturo Mariani. Alla serata sono invitati tutti, in modo particolare i giovani della forania con le loro famiglie.

È bene ricordare che Arturo è anche autore del libro «Nato così - Diario di un giovane calciatore senza una gamba»; sarà possibile acquistare il libro prima e dopo la serata. Il ricavato della vendita sarà totalmente devoluto all'associazione "Salvamamme" (maggiori info sul sito www.salvamamme.it)