dove ti trovi: Ufficio di Pastorale Giovanile » News » Anno pastorale 2017-2018 » AAA cercasi gruppi per il sussidio di Quaresima 
Share

AAA cercasi gruppi per il sussidio di Quaresima   versione testuale

Quando si dice che "ci portiamo avanti". Fin dai primi passi verso il Natale, siamo accompagnati dai sussidi per la preghiera quotidiana realizzati da diversi gruppi giovanili delle nostre Parrocchie. Un analogo sussidio è in progettazione in vista della Quaresima 2018: in ufficio di Pastorale Giovanile siamo alla ricerca di gruppi per la sua realizzazione.

 

 

Come funziona?

 

Questi sussidi sono pensati per essere consegnati a ciascun adolescente e giovane. I libretti propongono quotidianamente il brano del Vangelo del giorno, seguito da un breve commento. Ogni riflessione è realizzata da un diverso gruppo giovanile della nostra Arcidiocesi, su sollecitazione dell'ufficio di Pastorale Giovanile: in PG, infatti, ci occupiamo soltanto di coordinare e impaginare l'intero progetto, ma non di realizzare i singoli commenti: per ciascuno di essi chiediamo disponibilità a gruppi di cresimandi, post-Cresima, animatori, scout, ecc. del nostro territorio diocesano, purché almeno adolescenti (dalla prima superiore in su).

 

Dopo aver dato adesione, i gruppi che desiderano partecipare riceveranno giorni un brano quaresimale da commentare in 700 caratteri (circa 10 righe standard in Word). La raccolta dei commenti è prevista a metà gennaio 2018: viste le tempistiche, dunque, fin d'ora i catechisti/animatori/educatori interessati sono invitati a contattare l'ufficio di PG per "prenotare" un brano da commentare.

 

Ogni pagina, in fondo, presenta una doverosa citazione al gruppo che ha redatto il commento di quel particolare giorno.

 

 

Perché questi libretti?

 

La preghiera è una dinamica essenziale nella vita di ogni cristiano, fin dall'età della gioventù. Per questo è importante che (ci) educhiamo a prendere tra le mani quotidianamente un brano biblico e a meditarlo per qualche minuto in preghiera.

 

La simpatica modalità "collaborativa", inoltre, permette a diversi gruppi di sentirsi parte di un progetto più grande, in cui i giovani di tutta la Chiesa diocesana collaborano assieme per i loro coetanei.