Il Vescovo Cromazio e la Chiesa di Aquileia nella tarda antichità: scorci inediti nei due volumi di Marianna Cerno

La presentazione lunedì 2 dicembre al palazzo Patriarcale di Udine. Pubblicati dall’Istituto Pio Paschini che cura l’evento in collaborazione con l’Arcidiocesi

Scorci inediti sulla figura di Cromazio di Aquileia, arcivescovo di Aquileia dal 388/389 al 407/408, venerato come santo dalla Chiesa cattolica, e sui suoi sermoni, per gettare nuova luce sulla Chiesa aquileiese nella tarda antichità sono offerti dei due volumi di Marianna Cerno, che saranno presentati lunedì 2 dicembre alle ore 18 a Udine, nel palazzo Patriarcale (Sala del trono), organizzato dalla Arcidiocesi di Udine e dall’Istituto Pio Paschini per la Storia della Chiesa in Friuli.
Cromazio di Aquileia in mezzo ai Padri. Il destino medievale dei sermoni” e “Cromazio di Aquileia, I sermoni. Nuova edizione con traduzione a fronte” sono infatti pubblicati dall’Istituto Pio Paschini nella collana “Fonti per la Storia della Chiesa in Friuli. Serie medievale”, 22-23 Roma, Istituto Storico Italiano per il Medio Evo.
«Dopo una breve introduzione sulla figura episcopale di Cromazio e una rassegna sulle edizioni esistenti che ricostruisce l’intera sequenza delle scoperte dei testi – spiega il presidente dell’Istituto Pio Paschini, prof Cesare Scalon -, il primo volume si addentra nel genere letterario della predicazione per presentare le raccolte omiletiche medievali coinvolte dalla disseminazione dei testi cromaziani, mentre il secondo offre l’edizione critica dei Sermoni di Cromazio di Aquileia, frutto di una nuova ricognizione della tradizione manoscritta. Un’edizione che comprende l’apparato delle varianti e quello delle citazioni bibliche, includendo anche i brani inediti affiorati nel corso dello studio. La nuova traduzione italiana a fronte propone una versione corrente e fruibile del dettato del vescovo di Aquileia, uso a una predicazione certamente concreta e vivace, ma sempre iscritta in un discorso retoricamente accorto».
L’evento si aprirà con i saluti delle autorità, poi spazio alle relazioni degli studiosi: Rajko Bratož, docente di Storia antica, Università di Lubiana, su “Aquileia ai tempi di Cromazio”, mentre Manuela Colombi, docente di Storia del Cristianesimo all’Università di Udine, dialogherà con la curatrice dei volumi Marianna Cerno. Intermezzi musicali della Schola Aquileiensis, diretta dal maestro Claudio Zinutti.
Il volume “Cromazio di Aquileia in mezzo ai Padri. Il destino medievale dei sermoni”, nato da una nuova ricognizione della tradizione manoscritta dei sermoni di Cromazio d’Aquileia, è uno studio a tutto tondo dei meccanismi di trasmissione e manomissione della predicazione del vescovo lungo il medioevo nelle raccolte omiletiche. Il sopralluogo sui testimoni manoscritti porta anche a una nuova mappatura geografica della diffusione dei sermoni del vescovo di Aquileia, una fotografia aggiornata che consente di formulare una nuova ipotesi storica sulla possibile origine della loro frammentazione. Nell’opera si riflette anche sullo stile e sul procedimento creativo di Cromazio, primo fra i criteri di attribuzione dei pezzi omiletici, individuando una sorta di ‘scuola’ teologica che caratterizza l’Italia settentrionale del IV secolo e presentando nuovi brani attribuibili alla penna del vescovo di Aquileia per stile e contenuti.
“Cromazio di Aquileia, I sermoni. Nuova edizione con traduzione a fronte” è il frutto dei risultati della nuova ricognizione della tradizione manoscritta dei sermoni di Cromazio e si traduce in una nuova edizione critica che propone un testo aggiornato alla lettura dei nuovi testimoni, tenendo anche conto delle osservazioni ultime di Joseph Lemarié e degli studiosi che dopo di lui in vari modi hanno arricchito la conoscenza sulla predicazione minuta del vescovo di Aquileia. L’edizione include anche i brani inediti affiorati nel corso dello studio sulla tradizione che si ritengono dovuti alla penna di Cromazio. La nuova traduzione a fronte propone una versione corrente e fruibile del dettato del vescovo.

Marianna Cerno, laureata in lettere classiche all’Università di Udine, nel 2008 ha conseguito il dottorato di ricerca in filologia e letteratura latina medievale presso la Società Internazionale per lo Studio del Medioevo Latino (S.I.S.M.E.L.) di Firenze. Collaboratrice per diverse riviste del settore letterario mediolatino, la sua ricerca verte in particolare sull’agiografia martiriale altomedievale greca e latina e sulla letteratura del patriarcato di Aquileia.
Il progetto è realizzato con il sostegno della Regione e della Fondazione Friuli, con il patrocinio di Comune di Aquileia, Fondazione Aquileia, Fondazione So.co.ba, Museo Diocesano e Gallerie del Tiepolo di Udine, l’Università degli Studi di Udine. La collana ‘Fonti per la storia della Chiesa in Friuli. Serie medievale’ dell’Istituto Pio Paschini di Udine, edita dall’Istituto Storico Italiano per il Medio Evo, si propone di pubblicare le fonti documentarie dell’antico patriarcato di Aquileia.

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittermail

Segui l'Arcidiocesi di Udine sui social

Facebooktwitterrssyoutube