«Ambiente e sviluppo»: ecco l’appuntamento Spes di febbraio

Tris d'eccezione per il fine settima Spes del 21 e 22 febbraio: Fabrizio Barca, Giovanni Carosio e Alessandra Smerilli declineranno, infatti, il tema di grandissima attualità «Ambiente e sviluppo». Come sempre la "due giorni" di formazione è aperta non solo agli studenti, ma anche agli uditori. Qui tutte le informazioni per partecipare

Tematiche ambientali e sviluppo civile al centro della “due giorni” di studi che la Spes, la Scuola di Politica ed Etica sociale, propone per il mese di febbraio 2020. «Ambiente e sviluppo» è infatti il tema protagonista di venerdì 21 e sabato 22 febbraio, che anche questa volta sarà approfondito da relatori di caratura nazionale.

Venerdì 21 febbraio – alle 18 nella sala conferenze della Fondazione Friuli, in via Manin a Udine – l’economista e già ministro Fabrizio Barca interverrà – via Skype – sul tema «15 idee contro le disuguaglianze». In aula ci sarà inoltre Giovanni Carrosio, sociologo dell’Università di Trieste, che approfondirà lo stesso  tema. All’incontro seguirà come sempre la cena, alle 21.

Sabato 22 febbraio tornerà a far visita agli studenti della Spes suor Alessandra Smerilli, salesiana Figlia di Maria Ausiliatrice, economista dell’Università Auxilium di Roma. Suor Smerilli offrirà una riflessione sul tema «Sviluppo sostenibile per un’economia davvero civile». L’incontro si svolgerà dalle 9 alle 14,  al consueto Centro Culturale “Paolino d’Aquileia” di Udine, in via Treppo 5/B, con pranzo a seguire.

Oltre agli iscritti alla SPES, la coppia di incontri è aperta anche agli uditori: per partecipare è necessario comunicare la propria presenza all’indirizzo spes@diocesiudine.it entro giovedì 20 febbraio. Il costo per gli uditori, comprensivo di materiali e pasti, è di 20 €.

 

I relatori dell’incontro di gennaio

Tratto dalla pagina dedicata ai relatori della SPES 2019-2020

Fabrizio Barca

Statistico ed economista, è oggi coordinatore del Forum Disuguaglianze e Diversità. Come presidente del Comitato OCSE per le politiche territoriali e advisor della Commissione Europea, ha coordinato amministratori pubblici e studiosi nel disegno di un metodo nuovo di intervento per i territori in ritardo di sviluppo: il “place-based approach”. Questa esperienza lo ha condotto a diventare Ministro per la Coesione territoriale nel Governo Monti di emergenza nazionale 2011-2013. Ha avanzato una proposta di riforma dell’organizzazione dei partiti: “Luoghi ideali”. Ha insegnato e insegna in Università italiane e francesi ed è autore di molti saggi e volumi fra cui: Il Capitalismo italiano. Storia di un compromesso senza riforme, Donzelli, 1999; La Traversata. Una nuova idea di partito e di governo, Feltrinelli, 2013.

Giovanni Carrosio

Insegna Sociologia dell’ambiente e Governo dei sistemi a rete nel Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali, Università di Trieste. I suoi interessi di ricerca vertono sui problemi ambientali e sullo sviluppo locale. In particolare studia le dimensioni sociali e territoriali della transizione energetica e dei problemi legati alla crisi ambientale, le dinamiche di sviluppo e le politiche rivolte alle aree interne e fragili. In qualità di esperto di tematiche ambientali, fa parte del Comitato tecnico Aree interne – Presidenza del Consiglio dei ministri, dove ha lavorato come progettista dal 2014 al 2018 nell’ambito della Strategia nazionale per le aree interne. È membro del comitato scientifico di Legambiente e vice presidente dell’associazione di promozione sociale Aree Fragili.

Alessandra Smerilli fma

Suor Alessandra Smerilli, oltre alla docenza di economia politica nella Facoltà «Auxilium» di Roma, ha incarichi di insegnamento in altre istituzioni universitarie, è membro del Comitato scientifico ed organizzativo delle Settimane Sociali dei Cattolici, promosso dalla Conferenza Episcopale Italiana, ed è tra gli esperti del Consiglio nazionale del Terzo settore, organismo istituito presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Da marzo 2019 è stata nominata da Papa Francesco Consigliere di Stato della Città del Vaticano.

 

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittermail

Segui l'Arcidiocesi di Udine sui social

Facebooktwitterrssyoutube