«ConneXion»: una MagicAvventura missionaria

Torna la sempre attesissima proposta dell'Ufficio diocesano di pastorale giovanile dedicata ai preadolescenti, questa volta si approfondirà la vocazione missionaria di ciascun battezzato. Si tratta di un'iniziativa che non si sostituisce al percorso di catechesi: vuole semplicemente affiancarsi agli incontri ordinari, permettendo di “fare gruppo” e scoprire, in maniera ludica e accattivante, aspetti inattesi e tesori nascosti delle nostre realtà parrocchiali e diocesane.

«ConneXion – Ricostruiamo la rete» è il titolo della MagicAvventura 2019-2020, il percorso educativo che la Pastorale giovanile diocesana propone per i gruppi di preadolescenti della diocesi (corrispondenti alle classi delle medie, con l’eventuale aggiunta della quinta elementare). L’obiettivo primario della MagicAvventura è di sostenere la prosecuzione del cammino di fede dei ragazzi di questa delicata fascia d’età, utilizzando un metodo di animazione esperienziale.

La MagicAvventura è una proposta che non si sostituisce al percorso di catechesi: vuole semplicemente affiancarsi agli incontri ordinari, permettendo di “fare gruppo” e scoprire, in maniera ludica e accattivante, aspetti inattesi e tesori nascosti delle nostre realtà parrocchiali e diocesane. Per questa iniziativa si consiglia di coinvolgere con forza l’oratorio, dove presente, e in particolare i giovani animatori.

Il tema 2019-2020

Il tema dell’edizione 2019-2020, che ha ispirato anche il titolo «ConneXion», consiste nell’approfondimento della vocazione missionaria di ciascun battezzato. È lo stesso argomento che, all’interno del progetto delle Collaborazioni pastorali, sarà oggetto di riflessione diocesana durante tutto l’anno pastorale. In altri termini, le proposte della MagicAvventura 2019-2020 ruoteranno attorno al tema della missionarietà. Il metodo di animazione sarà il “motore” grazie a cui si potranno scoprire e vivere le principali dimensioni dell’essere Chiesa missionaria: chiamata, fondamenta, gioia, incontro, dono di sé, comunione.

 

Per approfondire:

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittermail

Segui l'Arcidiocesi di Udine sui social

Facebooktwitterrssyoutube