Chiesa udinese in lutto per la morte di mons. Lucio Soravito De Franceschi, vescovo emerito

È in lutto la Chiesa udinese per la morte di mons. Lucio Soravito de Franceschi, vescovo emerito, spentosi nel pomeriggio di oggi, sabato 6 luglio, dopo una lunga malattia.

Originario di Mione di Ovaro, mons. Soravito avrebbe compiuto 80 anni il prossimo 8 dicembre. Ordinato sacerdote il 29 giugno del 1963 era stato eletto vescovo di Adria – Rovigo il 28 maggio 2004, l’ordinazione episcopale era poi avvenuta l’11 luglio 2004 nella Cattedrale di Udine. Restò alla guida della Diocesi di Adria – Rovigo fino al dicembre 2015 per rientrare poi nel suo Friuli dove non aveva fatto mancare il suo prezioso apporto. 

Compì studi umanistici e teologici al Seminario arcivescovile di Castellerio e a Udine. Completò poi gli studi teologici conseguendo la laurea con la specializzazione in Teologia pastorale alla pontificia università «Salesiana» a Roma. Autore di numerose pubblicazioni di catechetica e di articoli su riviste di carattere pastorale, fu insegnante di Teologia pastorale e Catechetica nel Seminario interdiocesano di Udine dal 1977 e nella Facoltà Teologica dell’Italia settentrionale, sezione di Padova, dal 1991.

Dal 1963 al 1974 svolse il ministero pastorale come Vicario cooperatore nella parrocchia di Artegna e dal 1974 al 1999 nella parrocchia di San Pio X a Udine. Dal 1968 ricoprì il ruolo di direttore dell’Ufficio catechistico diocesano e dal 1983 fu investito della responsabilità di Coordinatore dei Centri pastorali diocesani. Non solo, dal 1984 al 1999 mons. Soravito fu anche Vicario episcopale per i laici. Numerosi anche gli altri impegni in Diocesi: dal 1988 al 1999 era stato assistente generale dell’Azione cattolica diocesana e dal 1984 canonico del Capitolo Metropolitano, nonché dal 1999 parroco della cattedrale di Udine e Vicario Urbano.

Udine, 6 luglio 2019

 

Nelle prossime ore sarà fissata la data dei funerali. 

 

 

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittergoogle_plusmail

Segui l'Arcidiocesi di Udine sui social

Facebooktwitterrssyoutube