Annullata la raccolta di indumenti usati. Cassonetti gialli ricollocati

L'emergenza Covid-19 impone di annullare l'evento che da sempre che tiene insieme il valore della solidarietà con la tensione alla sostenibilità ambientale e l’aggregazione sociale. A Udine e Tavagnacco in ragione dell'adozione del sistema di raccolta dei rifiuti, i "cassonetti gialli" sono stati ricollocati. Qui tutte le informazioni

In diocesi maggio è tradizionalmente il mese della raccolta Caritas degli abiti usati, un’occasione che tiene insieme il valore della solidarietà con la tensione alla sostenibilità ambientale e l’aggregazione sociale.

L’emergenza Covid-19 impone però quest’anno di annullare l’evento. Nell’attesa di capire l’evolversi della situazione – ed eventualmente riprogrammare la raccolta -, ricordiamo che restano attivi i cassonetti gialli presenti su tutto il territorio.

In particolare segnaliamo che, come noto, la Città di Udine ha riorganizzato la raccolta dei rifiuti urbani, passando al sistema cosiddetto “porta a porta”. In considerazione di ciò e nell’intento di valorizzare la centralità alle Parrocchie come luogo in cui il valore del dono riveste un significato particolare, la Caritas diocesana ha ricollocato i cassonetti in aree di pertinenza parrocchiale. La medesima scelta è stata fatta nel Comune di Tavagnacco. A questo link trovate la notizia nel dettaglio e la mappa della nuova collocazione. 

Vuoi condividere questo articolo?

Facebooktwittermail

Segui l'Arcidiocesi di Udine sui social

Facebooktwitterrssyoutube